Start up: le 10 cose che devi sapere per avviare il tuo business.

  • SumoMe

“Bamboccioni”, “fannulloni”, “mammoni”… Chi più ne ha più ne ha più ne metta  ma nel frattempo i dati parlano e rispondono da soli alle provocazioni.

Aumento di partite iva, di attività in proprio e di start up innovative. I giovani italiani vogliono farcela da soli e riescono nel loro intento.

Il mondo sta cambiando si sta evolvendo e mai come ora assistiamo al lancio di giovani nel mercato del lavoro.

Lo stimolo che vogliamo lanciare è di proseguire nell’impresa e di dare giusti consigli a chi ancora è agli inizi, a coloro i quali hanno le idee ma non sanno come “metterle in atto”.

Ecco di seguito 10 utili consigli e metodologie su come creare una start up:

1. Idea

Alla base di tutto ci deve essere un’idea unica, speciale, trionfante. La tua idea, quella che ti spinge e che ti rende fiero ed orgoglioso di te stesso. Devi sapere di cosa stai parlando, avere  chiaro l’obbiettivo. Per far ciò documentati, leggi testi utili e, se ne hai le possibilità, frequenta gruppi o corsi che ti aiutino nel tuo progetto. Socializza il più possibile per confrontarti e condividere le idee e sii aperto e flessibile ai cambiamenti. L’idea che hai non deve avere delle restrizioni o degli obblighi ma deve essere realizzabile e vincente.

2. Come sviluppare l’idea

Ci sono tanti modi per iniziare. Può essere utile partecipare ad un progetto di sviluppo di imprese o magari partecipare ad una gara, ad un concorso o delle competizioni. La parola d’ordine è “fallo!”

3. Focalizzare cosa fare

Cerca di concentrarti su un aspetto per volta, organizzando bene il tuo tempo e dedicando la giusta attenzione ad ogni cosa. “Cerca di individuare qualcosa nel quale vuoi eccellere e fai tutto il possibile per perseguirlo”.shutterstock_190227464_72dpi1

4. Le persone

Non pensare di poter fare sempre e tutto da solo. Rivolgiti alle persone con le giuste competenze e che possano aiutarti a sviluppare al meglio il tuo progetto. Fare gruppo in questa prima fase è essenziale per scambiarsi opinioni e per ampliare o modificare alcuni passaggi.

5. Crea il tuo Business Plan

Senza il tuo Business Plan non si va da nessuna parte. È la “fetta” più grossa di tutto il lavoro e non è facile da compilare. Per ciò ti suggeriamo di entrare in un “incubatore” di impresa o di rivolgerti, pagando, ad un consulente che ti aiuterà a scriverlo.

6. Il tuo pubblico

Chi stai cercando di raggiungere e chi ha bisogno del tuo servizio? Fai ricerche di mercato e crea il tuo target di riferimento, che potrà essere interessato alla tua attività e soprattutto individua dove puoi “catturarli”, se online o offline.

7. Fare bene i conti

È necessario essere chiari per sapere bene quanto si potrà guadagnare. Fissa degli obiettivi realistici e come poter fare per raggiungerli. Inserisci tutti i costi che prevedi di sostenere ed affidati ad un commercialista che ti seguirà dal punto di vista contabile.

8. Trovare uno sponsor

Insieme al Business Plan è necessario preparare un Pich (presentazione della propria start up)  che deve far parte del set di documenti fondamentali per raccogliere capitali con investitori. Il Pich non deve spiegare ma deve convincere chi potrebbe investire su di te o chi decide di metterti sotto la sua ala protettiva, un “business angel” o un “incubatore”.

9. Imparate a “promuovervi” (web e social media)

Devi far conoscere agli altri chi sei, qual è la tua idea e che servizi offri…e il modo migliore per farlo è in “rete”, sul web. Affidati a persone esperte per la creazione e realizzazione di un sito web  al fine di promuovere al meglio i tuoi progetti e di presentarli in modo “fruibile” e riconoscibile. Questo vale anche per la gestione dei social media. Le persone possono essere raggiunte anche attraverso i diversi social e devono essere catturati e “nutriti” di notizie riguardo la tua impresa. Devi essere costante e mirato, devi fare in modo che il tuo brand, il tuo logo sia sempre presente e riconoscibile.

10. “Fare” società

Ecco ci siamo è il momento giusto per partire… la tua idea, il tuo progetto devono assumere una forma legale. La registrazione della tua società può avvenire on-line, con un’autocertificazione sul sito della Camera di Commercio. Per le start up innovative non ci sono diritti di bollo e di registrazione. E allora VIA!!! Costanza, tenacia e passione ti guideranno verso il successo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Follow Us

Altri articoli…

Scrivi un commento

Selezionati per te: (9 of 22 articles)
SlowFood