Good country index: Irlanda incoronata “miglior paese del mondo”, Italia al 20° posto

  • SumoMe

Quanto un paese contribuisce al bene comune dell’umanità ed al pianeta?

A scattare una precisa fotografia del ruolo nel mondo di 125 paesi sono stati i dottori Simon Anholt e Robert Govers (quest’ultimo in questi giorni a Milano come docente del corso di Destination Marketing and Branding nel Master in turismo dell’Università IULM), autori del Good Country Index, uno strumento di misurazione della “bontà” di un paese attraverso specifici criteri di valutazione e dati raccolti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, dalla Banca Mondiale e da alcune fra le maggiori organizzazioni internazionali.

Dopo una TEDTalk tenutasi a Berlino lunedì sera, alla mezzanotte di martedì 24 Giugno viene ufficialmente pubblicata la classifica che conferisce il primo posto all’Irlanda, detentrice dei punteggi più alti per quanto riguardo prosperità, uguaglianza e cultura, posizionando l’Italia al 20mo posto, con il miglior piazzamento per la contribuzione data al mantenimento dell’ordine mondiale e il peggiore per il sostegno alla pace e alla sicurezza internazionale.

Di estremo interesse sono i sette criteri di valutazione utilizzati: scienza e tecnologia, cultura, pace internazionale e sicurezza, ordine mondiale, pianeta e clima, prosperità e uguaglianza, benessere e salute. Fattori valutati in relazione al Prodotto Interno Lordo generato dal paese analizzato. 

Oltre all’Irlanda nella “top five” dei paesi migliori del mondo ci sono la Finlandia, la Svizzera, i Paesi Bassi e la Nuova Zelanda.

A occupare gli ultimi posti della classifica sono Iraq, Vietnam e Libia, aree fortemente segnate da conflitti e povertà.

La classifica è consultabile al seguente link: www.goodcountry.org/overall

#goodcountryindex

#ranking

#humanitycommongood

 ©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Follow Us

Altri articoli…

Scrivi un commento

Selezionati per te: (14 of 25 articles)
cubo di rubik